Pro Loco Saletto

proloco-saletto

VIRTUAL TOURscopri i luoghi e i monumenti di Saletto

La storia più antica di Saletto (il cui nome deriva forse dal latino “salicetus”, luogo ricco di salici), che risale certamente all’età romana, è legata all’Adige e alla via Annia. 
E’ noto che l’Adige, o almeno uno dei suoi rami principali, fino al 598 d.C. correva da Albaredo per Cologna, Montagnana, Saletto, Este, ecc. lungo la fascia delle “luppie”. In questo tratto la via Annia, una delle più grandi strade consolari romane che portava da Modena per Padova ad Aquileia, correva parallela al fiume e aveva probabilmente, all’altezza di S. Silvestro, una stazione per il cambio dei cavalli. 
S. Silvestro infatti, il nucleo più antico di Saletto, e gli stessi muri dell’antica chiesetta sono in parte costituiti da materiale romano. Fra le numerose lapidi e testimonianze romane rinvenute a Saletto, particolare rilievo merita quella rinvenuta nel 1907 che si riferisce ai lavori di arginatura eseguiti dai coloni romani insediati nella zona dopo la battaglia di Anzio (31 a.C.)”. 
Nel medioevo Saletto segue le vicende di tutto il Montagnanese e viene più volte saccheggiata (nel 1312 e 1313 da Cangrande Della Scala) nonostante fosse difesa da un castello appartenente alla potente famiglia padovana dei Capodivacca. 
Quando nel 1405 passa sotto il dominio veneziano, il paese subisce una serie di profonde trasformazioni: il nucleo principale si trasferisce progressivamente da S. Silvestro al centro attuale, lungo l’asse della strada alla quale la forza della Repubblica garantisce sicurezza ed efficienza. 
Il nuovo centro di Saletto nasce attorno ad un ospizio per viandanti, mezzo albergo e mezzo ospedale, il cui oratorio, dedicato a S. Lorenzo, nel 1490, diventa chiesa parrocchiale soppiantando S. Silvestro. Nel XVI secolo conosce un momento di splendore prima dell’insediamento di potenti famiglie veneziane e poi per l‘arrivo del cardinale Francesco Pisani (nel 1495) allontanato da Bisanzio ad opera dei Turchi, che resta a Saletto per oltre 50 anni, animandola e sviluppandola con innumerevoli iniziative.
Il Comune si compone del centro di Saletto e della frazioni dei Dossi.

 


  • Villa Pisani

Monumenti

Pieve di San silvestro
Situata in via Garzara, risalente, per l’attuale struttura, intorno all’anno 1000 ma costruita su un preesistente Chiesa di epoca Longobarda. Questo gioiello della primissima Cristianità di Saletto presenta anche delle pitture di scuola Grottesca che dimostrano il protrarsi nei secoli del sentimento religioso degli avi.

Villa Pisani
Nel centro del paese  vi e è la villa costruita intorno alla metà del 1500 dalla scuola del Sansovino, che fu dimora anche del Cardinale “Pesaurus”, ossia Pesaro e/o Pisani. La Villa stata inserita nelle opere da restaurare della Regione Veneto, attualmente è visitabile solo dal esterno.

Chiesa Parrocchiale
Dedicata a “San Lorenzo” costruita intorno al 1700 su pianta a croce latina, presenta un organo del Caliddo, una pala di Bernardo Licinio, varie pitture di Armando Trevisan.

Cappella  di San Giuseppe
In via Cavaizza, recentemente è stato restaurato,la chiesa è ciò che rimane della villa di campagna  della famiglia veneziana dei Briani intorno al 1776.

Resti del Fortilizio “ Capodivacca”
Sempre nel centro del paese verso la sud  rimangono delle tracce del ‘Castello di Saletto’ 1238, distrutto durante la guerra fra gli Estensi ed i Carraresi di Padova, 1313. il più significativo è l’ arco merlato dell’ ingresso e l’ angolo a nord del complesso.

El Moranon
In Loc. Dossi domina l’incrocio fra le vie Gorgo e Dossi un gelso
secolare, vero monumento della natura.

Feste Patronali

  • 10 Agosto Parrocchia di Saletto
  • San Lorenzo 
21 Agosto Parrocchia Dossi – San Pio X
  • Mostra trattori d’epoca – verso la metà del mese di luglio

 


proloco-saletto

Via Marconi, 10
E-mail  prolocosaletto@atesinoproloco.net
Pres. MILANELLO GIADA – Via Botte, 300/a – 35040 Vighizzolo d’Este (PD)
Tel. 348 5304335
E-mail giadamilanello29@gmail.com
www.comunesaletto.pd.it